Joseph di Nazareth. Oggi

Sergio Di Benedetto

con: Nome Attore, Nome Attore, Nome Attore...

regia: Fabio Sarti

Nella storia sacra c’è un’Annunciazione celebre, raffigurata in secoli di storia dell’arte e della letteratura, che inquadra l’attimo in cui Gabriele porta la novella a Miriam, la ragazza di Nazareth.

Ma accanto scorre la storia di un’altra Annunciazione: è quella rivolta a Joseph, «uomo giusto» e innamorato, chiamato ugualmente a fidarsi di una parola che scuote il suo intimo, mettendo in discussione tutto, a partire dal suo stesso amore. Joseph, chiamato a essere padre di un figlio non nato da lui, per custodire una famiglia che del suo seme ha solo il nome della stirpe.

Ma oggi, in un contesto da XXI secolo, in una città come mille altre e in una vita come quella di moltissimi altri, come reagirebbe Joseph? All’inizio del nuovo millennio, cosa vivrebbe un giovane uomo posto davanti a una nuova e inaspettata Annunciazione?

Come accogliere la confessione di una fidanzata in attesa di un figlio frutto di un altro (o di un Altro)? Come riporre fiducia di fronte all’impossibile che subito si tinge di tradimento? Come reagire a un evento che sommerge per la potenza della sua incomprensibilità, del suo mistero? Quale futuro per Joseph, per Miriam, per il Bambino? Dare fiducia a questo futuro oppure piegarsi sul presente?

Queste sono le domande che Joseph, il protagonista dello spettacolo, sarà chiamato a risolvere, tra dubbio e angoscia, speranza e realismo, in un confronto tra chi chiede amore come Miriam, chi spinge al buon senso e chi, invece, accende la scintilla di un’altra possibilità di vita, mai immaginata.

Ma soprattutto, sullo sfondo, la grande domanda che vibra nella nostra contemporaneità: cosa significa, oggi, essere padre?

Joseph di Nazareth. Oggi: un atto unico che scorre nei giorni nostri, una storia che vive da duemila anni e, dall’intensità di un quadro, un epilogo di ieri per il qui e ora.